periodo finestra epatite C

Forum di discussione generale sull'epatite C, esami da fare, problematiche di vario tipo, consigli, suggerimenti, aiuto
Avatar utente
daniRM
Messaggi: 1990
Iscritto il: 28/03/2007, 18:53
Località: Roma/Torino

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da daniRM » 29/06/2012, 23:13

Hai ragione Gelsomino, il discorso si è allargato ed è diventato un pò generale, ma queste sono tematiche che toccano noi tutti e se ne parla insieme. Altrimenti il forum a che servirebbe :)
Un saluto :)
1° tentativo 2009 - non-responder
2° tentativo 2010 - Pegasys 180 + 5 Rebetol - Interrotta al 4° mese
1b - in lista trapianti

gelsomino
Messaggi: 16
Iscritto il: 16/06/2012, 12:45

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da gelsomino » 30/06/2012, 2:22

Si si per carita'! Ed è un bene che se ne parli!
Pero' davvero non riesco a condividere considerazioni del tipo che "basta un minimo scambio di sangue"...."anche tracce non visibili"....ecc ecc
Va bene la cautela e la precauzione, ma cosi' si ottengono solo due risultati:
1) gettare nel panico le persone, perche' a quel punto (come detto) qualsiasi graffietto sarebbe a rischio!
2) aumentare lo stigma nei confronti di chi è hcv+

Allora diciamola tutta e per bene: sara' pure vero che anche una minima quantita' di sangue puo' infettare, ma è altrettanto vero che il contagio in questo modo è davvero davvero remoto per non dire a livelli di plausibilita' biologica e cioe' teorico (infatti l'epidemiologia non è nota per quanto riguarda l'infezione attraverso uso promiscuo di oggetti)

A costo di apparire un incosciente, io il test per circostanze simili non lo faro' MAI! Altrimenti dovrei farlo ogni volta che vado dal barbiere, ogni volta che vado dal dentista, ogni volta che mi sveglio la mattina e mi trovo un graffio che non so nemmeno come ho fatto a procurarmelo!!!
Dai ragazzi, bisognerebbe vivere in un laboratorio analisi praticamente!!! :)
Siamo realisti!

Un saluto anche a te!

lory
Messaggi: 424
Iscritto il: 23/05/2008, 14:43
Località: TV

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da lory » 04/07/2012, 8:35

paolo57 ha scritto:
lory ha scritto: Aghi per cucito ,forbicine, rasoi ( di certo non mi facevo la barba) ma qualche rasoiata di emergenza per il mare la facevo con i loro rasoi mia mamma poi mi medicava se mi tagliavo con qualcosa
Nessuno di loro ha auto il contagio.
Ci deve essere un discreto scambio di sangue e poi il virus non vive molto fuori all aria
@paolo57
Ovviamente queste cose le facevo non sapendo di avere l la c ..... Non sapevo nemmeno che esisteva la c
Da quello che dici te allora chi ha un gatto o un cane in famiglia . . ?
1b negativa al 6 mese DI TERAPIA prolungata fino a 73iniezioni totali
NON RILEVABILE a 4 anni Post
PENSA POSITIVO CHE SARAI NEGATIVO ;)

Avatar utente
Gea
Messaggi: 610
Iscritto il: 07/04/2010, 10:12

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da Gea » 13/07/2012, 1:06

Ciao!
Mi è arrivata la mail con le notizie sull’epatite c, servizio del Google Allert che ho attivato per avere maggior informazioni. Gira in web il post che contraddice sia le info che epac diffonde sia le nozioni elementari di comportamento in merito alla trasfusione.
Immagine
lory ha scritto:Guarda ti diro' la maggior parte di noi , io sicuramente avevo l epatite da piu di 10 -15 anni senza saperlo.
Ma ho vissuto in casa normalmente con i miei genitori e i miei fratelli A parte gli spazzolini il resto era tutto in comune,
Aghi per cucito ,forbicine, rasoi ( di certo non mi facevo la barba) ma qualche rasoiata di emergenza per il mare la facevo con i loro rasoi mia mamma poi mi medicava se mi tagliavo con qualcosa
Nessuno di loro ha auto il contagio.
Ci deve essere un discreto scambio di sangue e poi il virus non vive molto fuori all aria
Dopo la diagnosi, poiché non sai quando l’hai beccata, è importante sapere come comportarsi, per il bene di tutti gli altri………. visto che, dalle statistiche e dalla casistica, la percentuale di trasmissione è aumentata tra le mura domestiche, pearcing, estetiste.
lory ha scritto:Il periodo finestra e' come dici tu , ma nn baderei affatto a ogni minmo episodio ,ma solo a quelli rilevanti
Non leggere troppe cose su internet , scritte a casaccio nei vari siti, li' fanno solo terrorismo psicologico ti fanno le previsioni piu' catastrofiche possbili ci sono passata anche io , solo qui nel forum ho preso effettivamente coscenza del tutto e di tutte le procedure corrette .....
Grazie forum
Non condivido l'idea che queste info siano terrorismo psicologico, ed è da badare e come, considerata la potenza del virus di sopravvivere, non solo sulle superficie ma anche nelle autoclave non ben programmate alla giusta temperatura di sterilizzazione per i virus.

Per maggior info, forse meglio chiedere "all' esperto risponde" e vi posso dire che a me gli esperti hanno risposto che da “badare” anche ai minimi episodi.
Chi è stato contagiato per dovere, per infortunio sul lavoro( vedi medici, infermiere, tecnici di lab, biologi, ausiliari, ecc) si sentirebbero urtati a leggere della convinzione che fosse neccessaria una certa quantita, quando è bastata una goccia quanto la punta di un ago.
La viremia che leggiamo sul nostro referto si riferisce alle migliaia di UI in un milimmetro cubo di sangue, moltiplicate per 7 litri di sangue….può non piacere il totale, ma questa è la realtà.
Spero che i moderatori e i responsabili del forum rimedino questo errore informativo che circola in web sotto la firma di utenti epac, soprattutto per la coerenza con ciò che diffonde l'associazione.

http://www.epatitec.info/default.asp?id=754
Modalità di contagio……
…………• Strumenti con cui vengono praticati il piercing, i tatuaggi, l’agopuntura, interventi odontoiatrici e endoscopie, e in generale tutti gli oggetti - di uso sanitario o domestico - che possono procurare ferite anche lievi, quali forbici, rasoi, spazzolini e tagliaunghie, e che, se non opportunamente sterilizzati, possono fungere da vettori di infezione…………..
Gea
Chi vede per la prima volta gli orrori di un carcere,un manicomio,un ospedale,l’abisso di sofferenza umana,arricchisce la propria visione del mondo,per l’impressione che suscitano in lui queste cose -Jung

Avatar utente
Annina
Messaggi: 10321
Iscritto il: 06/11/2007, 19:35
Località: Torino-Roma

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da Annina » 13/07/2012, 9:03

Gea forse abbiamo letto la cosa in maniera differente..
mi sembra che sia lety che dani che la stessa lory non abbiano escluso a priori la possibilità di contagio per uno scambio di oggetti personali.. la maggior parte di noi ha vissuto per anni senza la consapevolezza ed è chiaro che in quei anni si è fatta meno attenzione a certe precauzioni.. grazie al cielo solo lo scambio dello spazzolino o delle pinzette ha una percentuale di trasmissibilità decisamente inferiore rispetto a chi ha subito trasfusioni, ha avuto un passato di tossicodipendenza, etc.. e lory stessa ha sottolineato che l'uso promiscuo di oggetti personali è avvenuto quando NON sapeva della C..
..cmq è giusto sottolineare l'eventualità e la possibilità di contagio e quindi l'importanza di una corretta prevenzione..
Annina - Moderatore non medico
grazie per voler compilare i SONDAGGI

Per Consulenze Mediche utilizzare L'Esperto Risponde

geno 2a/2c
ultimo esame 10 anni post tera negativo!! :)

Avatar utente
daniRM
Messaggi: 1990
Iscritto il: 28/03/2007, 18:53
Località: Roma/Torino

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da daniRM » 13/07/2012, 14:45

Ma non scherziamo per favore .. le modalità di contagio mi sono ben note e lungi da me sottovalutarle, ti ricordo Gea che sono in lista per un trapianto e ho molto ben chiari i rischi che si corrono .. nelle corsie degli ospedali ci sono stata e anche per lungo tempo, lo sai bene.
Errori si fanno nell'inconsapevolezza di aver contratto l'infezione ... mi sembra ovvio, ed è anche scritto chiaro.
Ciao
1° tentativo 2009 - non-responder
2° tentativo 2010 - Pegasys 180 + 5 Rebetol - Interrotta al 4° mese
1b - in lista trapianti

Avatar utente
Letizia
Messaggi: 2254
Iscritto il: 09/10/2011, 13:15

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da Letizia » 13/07/2012, 15:17

Gea .. certo che la corretta informazione è la base di tutto quanto... e credo di essere stata molto chiara nel mio post... e a tale proposito magari... approfondisco alcuni argomenti personali...
Io nei lontani anni 80-85 venni informata di avere la C.... il dottore non mi dette nessun tipo di informazione.. fui io personalmente ad indagare e provvedere ad adottare corrette procedure in modo da non mettere a repentaglio la vita degli altri... questo mi ha sempre fatto pensare a quanta noncuranza hanno avuto gli addetti ai lavori.....
troppi medici di base non danno peso .. dovrebbero informare bene il paziente sui rischi di contagio.. tenendo conto poi che adottando semplici ma chiare procedure si previene ogni rischio di contagio...
Io non concepisco proprio da parte degli addetti.. la non informazione prevenzione nelle scuole... ad oggi nulla.... il mancato controllo sulle procedure a chi esercita professioni a rischio ..come dentisti ginecologi estetiste e via via.... e poi scusatemi ma nel 2012 non si può per un semplice ricovero ospedaliero essere dimessi ed aver contratto la C .. e che diamine ... sono queste le cose che davvero mi fanno incavolare e tanto ... considerando poi che non hanno manco i soldi poi per fare le cure..!!!!!!!!!!!!!
insomma ci mancherebbe... massima allerta per la nostra vita la nostra salute ma anche quella degli altri :timido:
Ad ogni modo... ogni occasione è buona per parlare di prevenzione e dare ogni volta utili e corrette informazioni..... anche a chi magari non le sa...!!!!!!!
Ciao Lety
1a/b 48 sett. (pegasys + riba)
start 1.10.2011
end 25.08.2012
08.2014 : negativo :)

Avatar utente
massimiliano
Messaggi: 159
Iscritto il: 28/03/2007, 18:53
Località: Albanella
Contatta:

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da massimiliano » 14/07/2012, 10:20

ciao, non riesco a seguirvi sinceramente, se ci sono dei problemi o dei post che sono vecchi o che suscitano riflessioni scriveteci in privato e avrete una risposta ufficiale, postateci il link che credete sia un problema e noi lo controlliamo, e avrete una risposta ufficiale.
grazie.
Cordiali Saluti

Vice Presidente

Massimiliano Conforti
e-mail : m.conforti@epac.it
Responsabile Sede Operativa EpaC Onlus - Roma
Tel : 06/60200566 - Fax : 06/60209056 - Cell. : 339/2185813
Sito internet: www.epac.it

Avatar utente
Gea
Messaggi: 610
Iscritto il: 07/04/2010, 10:12

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da Gea » 14/07/2012, 16:25

lory ha scritto:Il periodo finestra e' come dici tu , ma nn baderei affatto a ogni minmo episodio ,ma solo a quelli rilevanti Non leggere troppe cose su internet , scritte a casaccio nei vari siti, li' fanno solo terrorismo psicologico ti fanno le previsioni piu' catastrofiche possbili ci sono passata anche io , solo qui nel forum ho preso effettivamente coscenza del tutto e di tutte le procedure corrette .....
Grazie forum
Ciao, Massimilianao, abbiamo letto e capito tutti nella stessa maniera e tutti hanno letto l’invito a non badare ai minimi eventi !!!??? e addirittura un terrorismo psicologico !!!!????

Essere informati non è sempre motivato dalla gravità del danno che ognuno di noi porta dietro di se. Tutto è legato al voler sapere e ci sono persone che hanno un danno lieve, non sono i gravissime condizioni ma sono più informate di quanto ne siamo noi che scriviamo qui.

La motivazione del mio commento è l’insistenza e l’invito palese ad abbassare la guardia che è arrivato nelle case degli italiani che non frequentano il forum ma che voglio sapere, essendo coinvolti direttamente o indirettamente.
Purtroppo l’invito più che chiaro, spinge ad abbassare la guardia e ahimè si trovi all’interno delle info messe a disposizione dall’epac, anche se in via indiretta.

Non può essere un esempio il come ci si comportava prima della diagnosi, non va a motivare l'invito di dopo.

E’ l’obbiettivo di tutti ad abbassare il tasso impressionante che Italia ha per i casi di epatite C. Non possiamo stare alla roulette russa e godere del fatto che sta volta ce la siamo scampata.

Il contagio non dipende dalla quantità o dalle dimensioni della lesione di continuo della cute o della mucosi.

Le ferite provocate dai spazzolini da denti sono più grandi di una puntura d’ago e la profondità non centra assolutamente, forse le persone non si rendono conto quanto è piccolo un virus che non ha bisogno di vetrate aperte per entrarci.
Attualmente nelle strutture sanitarie ci sono i materiali mono uso e anche dal commento degli esperti dell’epac risulta un abbassamento delle infezioni ospedaliere.

Negli ultimi anni, chi si ritrova con l’infezione da hcv dopo un ricovero, deve avere anche un es. di routine dimostrante un HCVRna negativo al momento del ricovero e la prova di una sacca contaminata per collegarlo al quel preciso ricovero.
Le siringhe e gli aghi monouso, e tutto il resto di materiale monouso NON viene lavato e rimesso sui carelli, non diciamo cavolate con contagi per sentito dire.
Adesso il tasso di trasmissione, dalle informazioni dell’epac dei suoi collaboratori medici, è all’interno delle mura domestiche, per l’inosservanza delle regole di convivenza con persona hcv positivo oppure perché non ancora a conoscenza che un famigliare lo è.

Allego le indicazioni dell’epac, del dott. Fagiuoli e del dott. Gasbbarrini lasciando da parte, non per mancata importanza, le affermazioni dei medici statunitensi che, fino alla prova contraria, hanno maggior esperienza di tutti.

Tutto quello che ho scritto sopra non è altro che quello che ho imaparato da questi due medici e da altri e non mi pare che loro facciano del terrorismo psicologogico, anzi da ringraziare perché insistono aprire la mente alle persone.

Le percentuali diffuse da epac come materiale informativo sono in contrasto netto con l’idea che la via delle emotrasfusioni sia di maggior prevalenza, prima o dopo gli anni ‘90.
Modalità di contagio http://www.epatitec.info/default.asp?id=765
Immagine
Dott. Fagiuoli http://www.epatitec.info/default.asp?id=765

Immagine

Dott. Gasbarrini che mette al primo poso l’uso in comune le siringhe infette ( nelle strutture sanitarie, sono usa e getta – monouso ) e altri di vari oggetti ad uso in famiglia: http://www.fondazionefegato.it/Ilfegato ... titeC.aspx

Immagine


E’ abbastanza comprensibile voler dare la colpa agli altri, rifiutarsi averla da tanto tempo senza saperlo fino a pochi mesi, anni fa, sappiamo che spesso si cerca a tutti costi atribuire l’errore ad altri, in particolare allo stato o alle strutture sanitarie.

In parole brevi e semplici, quello che ho scritto spora è solo per attenzionarvi all’invito arrivato via web, senza entrare nel forum, nelle case della gente, parole e affermazioni che sembrerebbero di dover passare inosservate, da non considerare, quando in realtà sono l’unico motivo di dibattito. Abbiamo letto e capito tutti, e tutti hanno letto l’invito a non badare ai minimi eventi.
Questa statistica e diffusa dal sito epac e le percentuali sono troppo evidenti, direi, per non capire o per fare confusioni qui sul forum.

Gli eventi sono eventi, non ci sono eventi ( contagio ) di minima importanza e altri di grande importanza.!!!!!
Un saluto a tutti, Gea

P.S. Non ti scomodare Massimilliano, non mi servono delucidazioni in privato, quelle rimangono lì, non entrano nell’web o nelle mail della gente.
Gea
Chi vede per la prima volta gli orrori di un carcere,un manicomio,un ospedale,l’abisso di sofferenza umana,arricchisce la propria visione del mondo,per l’impressione che suscitano in lui queste cose -Jung

Avatar utente
Michele_roma
Messaggi: 582
Iscritto il: 02/11/2010, 16:01

Re: periodo finestra epatite C

Messaggio da Michele_roma » 14/07/2012, 23:24

Gea ha scritto:
La motivazione del mio commento è l’insistenza e l’invito palese ad abbassare la guardia che è arrivato nelle case degli italiani che non frequentano il forum ma che voglio sapere, essendo coinvolti direttamente o indirettamente.
Purtroppo l’invito più che chiaro, spinge ad abbassare la guardia e ahimè si trovi all’interno delle info messe a disposizione dall’epac, anche se in via indiretta.

io questo invito palese non l'ho proprio notato, l'insitenza men che mai.
O il caldo mi ha bollito il cervello, o non ho una buona padronanza della lingua italiana, oppure alzhy sta avanzando a passi rapidi :eheh:
Michele_roma Moderatore non medico,
x Consulenze mediche utilizzare L'Esperto Risponde

Genotipo 3a
5 anni post-tera negativo

Rispondi