Dolci

Integratori, prodotti erboristici, medicina alternativa di supporto
Rispondi
Avatar utente
Michele_roma
Messaggi: 582
Iscritto il: 02/11/2010, 16:01

Dolci

Messaggio da Michele_roma » 07/03/2011, 11:45

In altro forum avevo detto come da quando ho iniziato la terapia, a causa del saporaccio lasciato dalla ribavirina, sia aumentata la mia voglia di dolci. Io non ho problemi di glicemia nè di sovrappeso, mi è stato fatto però notare che non tutti possono "esagerare" con i dolci. Ho pensato allora di inventare una ricetta per un dolce passabilmente buono dallo scarso contenuto calorico e glicemico. L'ho provato e non mi sembra malaccio, una sorta di Tiramisù (ma non la glicemia) dietetico.
Per chi volesse provarlo, di seguito la ricetta:

DOSE x 4 persone

Ingredienti

2 tazzine da caffè di farina di riso
2 bicchieri di latte (400 cl circa)
1 macchinetta di caffè da 2 o da 3 (a seconda dei gusti si può usare il solubile o il decaffeinato)
2 cucchiai di zucchero (volendo anche meno, dipende dai gusti)
3 confezioni di pavesini
cacao amaro

Preparazione

in un pentolino versare il latte, il caffè, la farina di riso e lo zucchero. Sciogliere la farina e lo zucchero e far cuocere il tutto per circa 15 minuti badando che che la crema rimanga molto fluida (nel caso aggiungere latte o acqua). In un piccolo contenitore rettangolare ( vanno bene le vaschette d'alluminio), versare uno strato di crema poi uno strato di pavesini, quindi un altro strato di crema a coprire i pavesini e una spolverata di cacao. Ripetere l'operazione fino a creare 3 strati, ricoprire il tutto con una spolverata di cacao e lasciare riposare almeno 4-5 ore prima di mangiarlo.
Michele_roma Moderatore non medico,
x Consulenze mediche utilizzare L'Esperto Risponde

Genotipo 3a
5 anni post-tera negativo

Avatar utente
luca
Messaggi: 4043
Iscritto il: 28/04/2007, 13:46
Località: SAVONA
Contatta:

Re: Dolci

Messaggio da luca » 07/03/2011, 16:10

Ciao Michele....mi viene l'aquolina in bocca solo a leggere la ricetta....proverò
Ciao Luca SV
CHI LA DURA LA VINCE...10 FALLIMENTI...RIPROVERO' CON LA TRIPLICE...PROSEGUO LA MIA LOTTA SENZA PIETA'...NON MI ARRENDO E MAI MI ARRENDERO'...Anche se lavoro in campo medico non sono un medico sono un bio-ingegnere(ingegneria applicata alla medicina)

Avatar utente
roberto
Messaggi: 3362
Iscritto il: 07/03/2009, 13:51
Località: vicenza

Re: Dolci

Messaggio da roberto » 07/03/2011, 18:55

Si può mangiare anche fuori terapia ? :yes!:
genotipo 3a RNA 100°000
inizio prima terapia 17/9/2010
negativo dal 1° mese di terapia
2018 ancora negativo

Avatar utente
pasquale68
Messaggi: 2442
Iscritto il: 30/03/2007, 18:44
Località: torino

Re: Dolci

Messaggio da pasquale68 » 08/03/2011, 18:16

Proverò anch'io...
mia moglie mi fà spesso un dolce tipico sud americano...con la zucca...
povero di zucchero ma di una bontà indescrivibile....
Terza terapia....5 copegus+vitamina D+pegasys 180...4 anni POST TERAPIA:NEGATIVO!!!

Avatar utente
AnnaM
Messaggi: 100
Iscritto il: 09/11/2011, 19:50
Località: Trani

Re: Dolci

Messaggio da AnnaM » 18/03/2012, 12:33

Ora ti posto io qualcosa che possa soddisfare il tuo palatino desensibilizzato dalla Rabivirina. Una Bella Torta Paradiso (Una Tantum nn devi pensare alla glicemia o alla dieta) :ok:
RICETTA:
Pasta biscotto
4 uova separate
120 gr farina 00
120 gr zucchero a velo
Crema
100 gr cioccolato bianco
50 gr cioccolato bianco alla vaniglia
300 gr panna da montare
Lavorare i tuorli con lo zucchero a velo ad alta velocità fino ad ottenere un composto chiaro, spumoso. Montare a neve le chiare. Delicatamente, incorporare al composto di tuorli le chiare alternandole con la farina setacciata. Versare in una tortiera rettangolare 30x40cm foderata con la carta forno e cuocere in forno (preriscaldato) per circa 15 min a 200° nella parte media del forno (non ventilato). Rimuovere immediatamente, capovolgere su un vassoio Rimuovere la carta forno e lasciare raffreddare. Tagliare a metà il biscotto. Sciogliere il cioccolato bianco in circa 100 gr di panna bollente. Mescolare fino a che non ci sono grumi e lasciare raffreddare. Montare i rimanenti 200 gr di panna. Quando la crema “ganache” è completamente raffreddata incorporatela alla panna montata fino ad ottenere una crema omogenea. Versare uno strato di crema su una parte del biscotto, livellare bene e sovrapporre il secondo strato. Spolverizzare con abbondante zucchero a velo e mettere in frigo a solidificare.

e buon appetitooooooooooooo!!!! :welcome1:
Genotipo 1b
a due terapie tradizionali relapser
dal 7/3/2012 tris farmaci Telaprevir
carica virale 1.200.000
2^ settimana 174
4 settimane 34
secondo mese 13
Terzo mese non rilevato
Quarto mese non rilevato

Avatar utente
amleto
Messaggi: 132
Iscritto il: 27/01/2011, 19:30
Località: Milano

Re: Dolci

Messaggio da amleto » 21/07/2012, 17:11

annam dovresti postare qualcosa di estivo!!!!!
un gelato?
Negativo dal 2012
Biopsia 2011 F4
Fibroscan 2011 kpa 19.2
Fibroscan 2014 kpa 9.1
Fibroscan 2018 kpa 5.7

Avatar utente
AnnaM
Messaggi: 100
Iscritto il: 09/11/2011, 19:50
Località: Trani

Re: Dolci

Messaggio da AnnaM » 28/07/2012, 8:34

Eccoti accontentato Amleto :lol:

Crema gelato al cioccolato o al gusto che si preferisce

Ingredienti:
100 gr di cioccolato fondente
250 ml di latte
un cucchiaio di farina
due tuorli d’uovo
100 gr di zucchero


Porre il cioccolato fondente a bagnomaria, per farlo sciogliere completamente.
Mentre il cioccolato si scioglie, in un pentolino a parte, far bollire il latte con un la farina mescolando in continuazione per ottenere il composto base.
Quando il cioccolato si è completamente fuso e il latte bolle da un po’, cominciando ad assumere una consistenza quasi cremosa, versarlo pian pianino nel pentolino del latte, continuando a mescolare con molta cura a fuoco spento.
Lasciare che il composto si raffreddi, coprendolo per evitare la formazione della pellicina sulla superficie .
Nel frattempo sbattere per bene i due tuorli con lo zucchero, fino a raggiungere una bella consistenza spumosa, tipo zabaione .
Quando poi il cioccolato si è intiepidito, versarlo nel pentolino con le uova, e rimettere tutto a cuocere sul fornello a fiamma molto bassa.
Togliere la pentola dal fuoco non appena il composto va in ebollizione e lasciare raffreddare.
Riporre la pentola in acciaio dentro il freezer, ottimale sarebbe l’utilizzo di un contenitore già raffreddato in freezer per qualche ora.
Per le prime due ore mescolare una volta ogni mezz’ora, ma si possono ridurre anche a 3 volte in 2 ore. L’importante è rompere i cristalli di ghiaccio che si formeranno all’inizio, per lasciar congelare il gelato con calma e in maniera da rimanere cremoso.
Lasciare in frigo per altre tre ore, mescolando ogni tre quarti d'ora, ed il gelato è pronto per l’uso. E’ utile dirvi che gli ingredienti relativi al sapore possono essere modificati secondo i propri gusti ottenendo così il sapore preferito.
:ok: :welcome1:
Genotipo 1b
a due terapie tradizionali relapser
dal 7/3/2012 tris farmaci Telaprevir
carica virale 1.200.000
2^ settimana 174
4 settimane 34
secondo mese 13
Terzo mese non rilevato
Quarto mese non rilevato

Rispondi