Legge 210/92 assegno reversibilità

Domande generali sull'indennizzo. Risponde l'Associazione EpaC Onlus
Rispondi
Marco75
Messaggi: 1
Iscritto il: 09/11/2019, 8:01

Legge 210/92 assegno reversibilità

Messaggio da Marco75 » 09/11/2019, 9:48

Buongiorno, sono il cognato di un uomo talassemico deceduto purtroppo qualche mese fa. ha percepito per anni l'assegno perchè a causa delle trasfusioni aveva contratto l''epatite C. Abbiamo iniziato la procedura di richiesta della reversibilità per il coniuge tramite avvocato che ci riferisce che la causa potrebbe durare fino a 7 anni perché va dimostrata la concausa tra morte ed epatite C sia che la richiesta riguardi una tantum piuttosto che l'assegno reversibile. Dalla legge in oggetto mi pare di capire che il collegamento tra morte ed epatite C va dimostrato solo nel caso di richiesta assegno una tantum. Qualcuno sa darmi qualche informazione in merito? Veramente dobbiamo procedere tramite avvocato per farci riconoscere un diritto che mi sembra sacrosanto?

Avatar utente
Annina
Messaggi: 10234
Iscritto il: 06/11/2007, 19:35
Località: Torino-Roma

Re: Legge 210/92 assegno reversibilità

Messaggio da Annina » 12/11/2019, 22:41

Ciao Marco,
la questione non è sulla scelta di liquidazione dei soldi (bimensile per 15 anni o una tantum) quanto sulla causa di morte. Fondamentalmente la base è leggere cosa c'è scritto sul foglio del medico legale come causa del decesso "Il giudizio sanitario sul nesso causale tra la vaccinazione, la trasfusione, la somministrazione di emoderivati, il contatto con il sangue e derivati in occasione di attività di servizio e la menomazione dell'integrità psico-fisica o la morte è espresso dalla commissione medico-ospedaliera di cui all'articolo 165 del testo unico approvato con decreto del Presidente della Repubblica 29 dicembre 1973, n. 1092." art- 4, comma 1. Infatti la legge recita "Qualora a causa delle vaccinazioni o delle patologie previste dalla presente legge sia derivata la morte, l'avente diritto può optare fra l'assegno reversibile di cui al comma 1 e un assegno una tantum di lire 150 milioni." articolo 2, comma 3.
Il diritto è un diritto acquisito dal momento in cui vi sono i requisiti.
Per fare la domanda tra l'altro non necessitate per forza di un avvocato, basta andare all'als di competenza, ufficio medicina legale - indennizzo legge 210/92 e richiedere il modulo.. in rete ho trovato quello dell'asl di Viterbo così ci butti un occhio http://www.asl.vt.it/ModulisticaSito/Me ... _92%20.pdf
Che le procedure poi siano lunghe quello è vero.. una domanda di indennizzo di solito si chiude in 2/3 anni, solo la pratica..se non ci sono ricorsi..
Annina - Moderatore non medico
grazie per voler compilare i SONDAGGI

Per Consulenze Mediche utilizzare L'Esperto Risponde

geno 2a/2c
ultimo esame 10 anni post tera negativo!! :)

Rispondi