Causa di risarcimento

Domande generali sull'indennizzo. Risponde l'Associazione EpaC Onlus
Avatar utente
Annina
Messaggi: 10464
Iscritto il: 06/11/2007, 19:35
Località: Torino-Roma

Re: Causa di risarcimento

Messaggio da Annina » 02/03/2020, 13:36

Ciao Vale.. e finalmente buone nuove!!!! :)
il più è fatto..ora devi solo aver pazienza :)
per quanto concerne l'indennizzo è di per sé un vitalizio. A oggi non è mai stato sospeso a nessuno, neanche dopo il trattamento.
Dovrebbero andare a modificare la legge... a oggi non c'è nulla per cui preoccuparsi.
Annina - Moderatore non medico
grazie per voler compilare i SONDAGGI

Per Consulenze Mediche utilizzare L'Esperto Risponde

geno 2a/2c
ultimo esame 10 anni post tera negativo!! :)

blek
Messaggi: 87
Iscritto il: 04/12/2008, 10:30

Re: Causa di risarcimento

Messaggio da blek » 03/07/2020, 22:56

Ben ritrovati a tutti...è da molto tempo che non scrivo. Non so se qualcuno si ricorda...nel 2015 scirri che avevo vinto in primo grado per il risarcimnento danni, con una quantificazioine di 256.000 euro più 30 anni di interessi e rivalutazione legale, quindi una cifra vicino ai 500.000 euro, da cui dovrò scrporare la percentuale per l'avvocato, visto che abbiamo fatto un accordo, cioè niente spese a mio carico anche in caso di soccombenza. Bene...il ministero nel 2015 si era appellato e a febbraio di questo anno ho vinto anche l'appello, quindi ben 2 gradi di giudizio...2-0 per me. Confermata in toto la sentenza di primo grado, sia nel merito che nelle somme. Abbiamo depositato il 27 maggio (essendo le cancellerie chiuse 2 mesi per il covid) e ora attendo con ansia di vedere se entro il 27 luglio faranno ricorso in cassazione. Troverei davvero umiliante un ennesimo ricorso da parte del ministero, dopo avere perso 2 gradi fi giudizio, umiliante perchè non esistono davvero i motivi per farlo, sarebbe solo strumentale a perdere altro tempo. Però mi hanno detto che esiste anche il "filtro", cioè la cassazione potrebbe ritenere inammissibile il ricorso e allora la partita si chiuderebbe in fretta. Se invece non facessero proprio ricorso sarebbe splendido. Sono felice di vedere che ogni tanto la giustizia sta dalla parte dei deboli, peccato solo che questa nostra giustizia sia terribilmente lenta a sentenziare. Il risarcimento mi spetterebbe completo perchè per l'indennizzo ho avuto la prescrizione e non ho mai ricevuto nulla.
Ma secondo voi è possibile che si fermino e la smettano di tirare avanti allo sfinimento? Vogio dire, secondo voi è possibile che perdendo 2 gradi comprendano 'inutilità di un ricorso in cassazione?
Volevo condividere con voi questa notizia.

Nyd
Messaggi: 24
Iscritto il: 10/06/2016, 9:43

Re: Causa di risarcimento

Messaggio da Nyd » 09/04/2021, 0:31

Ciao, innanzitutto complimenti per aver vinto 2-0... Mi auguro che non ti facciano aspettare oltre.
Ho una domanda: hai fatto causa di risarcimento ex l'articolo 2043?

blek
Messaggi: 87
Iscritto il: 04/12/2008, 10:30

Re: Causa di risarcimento

Messaggio da blek » 09/04/2021, 17:52

Ciao, non so se si tratta dell'articolo ex 2043...ho fatto causa sulla base del fatto che la nuova giurisprudenza ha stabilito che per la prescrizione devono passare 5 anni dalla consapevolezza che qualcuno ti ha cagionato un danno, quindi nonsolo dalla consapevolezza del danno epatico. In pratica una persona può essere a conoscenza del danno epatico, in quel caso scatta la scadenza triennale per l'indennizzo...ma ciò non è sufficinete per fare devadere il termine quinmquennale sul risarcimento, che parte solo dal giorno in cui il soggetto danneggiato si è reso conto che il danno arriva da un evento esterno procurato da qualcuno. In pratica la domanda di indennizzo fa scattare il termine quinquennale, perchè dal giorno in cui fai la domanda di indennizzo prendi consapevolezza che il ministero è colpevole delle trasfusioni infette...da quel giorno hai tempo 5 anni per chiedere il risarcimento, viene meno il fatto che ilò soggetto sappia che ha un danno epatico, la conoscenza del danno non fa decadere i termini, nemmeno se fossero passati 20 anni (come infatti sono passati, perchè il quinquennio parte dalla domanda di indennizzo, oppure da un altro qualsiasi momento in cui hai compreso che qualcuno ti ha cagionato il danno. Questa è ormai gikurisprudenza conslidata, perchè ben 2 sezioni unite della cassazione hanno confermato, prima nel 2008 e poi nel 2015...ed anche ultimamante ci sono state sentenze uguali, nel 2019 e nel 2020, ragion per cui è ormai consolidato. Sulla base di questo ho vinto primo grado e appello, ma il ministero ha fatto ricorso in cassazione...fanno di tutto per ritardare il pagamento. Devo dire che il mio avvocato è stato davvero in gamba, sembrava una causa persa e invece è riuscito a spuntarla, pure in appello. Per la cassazione, da persona umile, ha voluto affidarsi all'avvocato De Lucchi, persona molto competente sui ricorsi in cassazione e persona di alto spessore umano. Essendoci in ballo 500 mila euro non mollano l'osso, mi ha detto che se fossero stati 100 mila euro avrebbro lasciato perdere già dal primo grado. La speranza è che non siamno più lungjhi come nel passato, sembra che la cassazione si sia un pò velocizzata, forse in 3 anni riesco ad avere la sentenza...sono 10 anni che balliamo.

Rispondi