Categorie protette si o no?

Domande generali su benefici e agevolazioni. Risponde l'Associazione EpaC Onlus
Avatar utente
Wolf
Messaggi: 562
Iscritto il: 24/09/2012, 17:46
Località: Roma

Re: Categorie protette si o no?

Messaggio da Wolf » 07/04/2013, 18:34

roberto ha scritto:
Wolf ha scritto: Tieni però presente che se negativizzi in seguito alla terapia l'invalidità civile del 51% ti viene revocata.
Ma ...dire il vero Wolf se uno negativizza e l'epatite non è piu attiva, non è che l'invalidità ti viene revocata, ma rivista
A me ad es. hanno dato da subito il 34% non rivedibile
A tanti danno il 51% rivedibile dopo 2 anni, se in questi 2 anni uno diventa negativo, la comissione medica puo rivedere il grado di invalidità e ridurlo
Non ho mai sentito che a qualcuno lo hanno tolto dal tutto
Serebbe interessante approfondire tale argomento
Perche tempo fa ne avevo parlato con EPAC se uno trovava posto di lavoro nelle categorie protette e poi a fine terapia la comissione abbassava il grado di invalidità
Il posto di lavoro dovrebbe restare ma il medico del lavoro potrebbe adibire il lavoratore ad altre mansioni
Ma poi la cosa è addastanza vaga, perche dipende da quanti occupanti ha la fabbrica e da tante altre cose
Buono a sapersi! :)

A me l'invalidità per epatite C non l'hanno proprio concessa!
Probabilmente ho presentato male la domanda perchè non avevo il foglio scritto dall'epatologa ma solo le fotocopie delle analisi del sangue e dell'ecografia epatica. (Non avevo neppure l'esenzione per patologia al tempo che si richiede sempre presso la ASL).

Il 34% non rivedibile mi farebbe comodo visto che io ho già il 35% per altre ragioni.

L'indennizzo 210/92 invece me lo hanno concesso.
Gen. 2a/2c - IL28B CC
Viremia al 3/10/12: 598687 UI/ml
1° terapia dal 2/11/12 al 20/04/13
Pegasys 180 - Rebetol 200 mg 4xdì
22/11/12: negativa dopo 3 iniezioni e 78 capsule
2 anni post terapia: negativa
Età 42

Avatar utente
roberto
Messaggi: 3361
Iscritto il: 07/03/2009, 13:51
Località: vicenza

Re: Categorie protette si o no?

Messaggio da roberto » 07/04/2013, 18:48

Wolf,Wolf,Wolf, il "foglietto" fatto dall'epatologo che attesta la malattia è fondamentale per ottenere l'invalidità, ovvio che anche con gli esami del sangue un medico capisce che tu hai l'epatite, ma quelle sono comissioni mediche, meglio dire burocrati e fiscalisti, se fossero stati medici o persone umane...le avrebbero detto sig.ra ci deve portare l'attestato dello specialista che accerti la sua malttia altrimenti non possiamo far nulla
Però ora Wolf essendo tu ora negativa non saprei dirti se puoi ripetere la domanda visto che l'invalidità viene concessa con epatite cronica attiva Senti l'epa, un patronato o anche il medico di base

Poi non puoi sommare le 2 invalidità ( troppo bello )
Ovviamente le due patologie non si sommano come percentuale di invalidità, ma esiste un calcolo complicato detto "riduzionistico" che prevede ancora un criterio di giudizio ad opera del medico legale, per quanto concerne la oscillazione tra i due parametri di range a cui poi si applica appunto il succitato calcolo riduzionistico.
Poichè, facciamo finta che il paziente sia cardiopatico in maniera eclatante, cioè al 50% e diabetico solo per il 41% , allora il calcolo sarà =Patologia 1+Patologia 2- (Patologia 1XPatologia2) dunque 0.5+0.41 -(0.5*0.41)
in sostanza il calcolo darà 0.70, dunque 70% di invalidità globale.
http://spazioinwind.libero.it/gastroepato2/tabelle.htm
genotipo 3a RNA 100°000
inizio prima terapia 17/9/2010
negativo dal 1° mese di terapia
2018 ancora negativo

Avatar utente
Wolf
Messaggi: 562
Iscritto il: 24/09/2012, 17:46
Località: Roma

Re: Categorie protette si o no?

Messaggio da Wolf » 08/04/2013, 2:13

Roberto a me basterebbe arrivare dal 35% al 47% ma comunque non è che mi sia mai interessato molto appartenere alle categorie protette quindi rifarò la domanda solo se dovessi tornare positiva e ovviamente mi auguro proprio che questo non accada mai! Preferisco restare negativa in eterno e chi se ne frega del 47% di invalidità!!! :)

Per diversi anni sono stata nelle categorie protette per una precedente patologia (leucemia linfatica acuta a 9 anni, la mia epatite C viene dritta dritta dalle trasfusioni fatte in quel periodo) ma non mi ha aiutato a trovare lavoro.

Il motivo per cui ho sbagliato a presentare la domanda è che non mi interessava molto e quindi non mi sono informata bene. (È stata più un'idea del mio medico di famiglia questa dell'invalidità civile visto che comincio ad avere diverse cosette, salvo poi non dirmi neppure quali erano i documenti che andavano portati visto che non ne sa nulla di epatite C neppure lui!!!)
Non avevo ancora scoperto questo forum, gli enti a cui mi sono rivolta sembravano non saperne niente di epatite C dal punto di vista burocratico ed io avevo la testa nel pallone per aver scoperto di essere affetta da epatite C ed ho pensato ad informarmi prima di tutto sul da farsi riguardo alla patologia e poi sull'indennizzo 210/92 che va presentato entro una certa scadenza.
In quel periodo non ero neppure in cura, dall'epatologa c'ero stata una volta e visto che non volevo fare nè la terapia nè la biopsia mi disse di rivederci dopo un anno e di fare solo analisi di controllo per tenere monitorata la situazione.

Adesso che le so, tante cose mi sembrano scontate ma prima non solo non sapevo niente di niente ma mi sembrava anche che trovare persone nella vita reale che sapessero qualcosa dell'epatite C fosse difficilissimo.
Negli uffici stessi, nei patronati non sa mai niente nessuno!
Non sanno nulla alla ASL di zona, addirittura la ASL deputata al Protocollo del modulo di richiesta di indennizzo non sapeva cosa doveva fare con il mio modulo ed ho dovuto spiegarglielo io! Poi sono andati a chiedere chissà a chi e alla fine hanno capito cosa dovevano fare.
Si vede che di gente con l'epatite C gliene capita poca e questo è consolante.
Anche trovare un medico legale pratico di epatite C che mi accompagnasse alla visita per l'indennizzo non è stato così semplice!
Individuare poi la ASL che qui a Roma si occupa delle pratiche per la 210/92 è stata un'impresa!
Secondo me tutta questa disorganizzazione, disinformazione e "calvario burocratico" a loro fa gioco: nel senso che se tu sbagli qualcosa o ti fai prendere dallo sfinimento loro non ti concedono il provvedimento!
I medici poi giustamente fanno i medici quindi non puoi certo rivolgerti a loro per le pratiche burocratiche!!! Non ne sanno niente, non sono lì per compilarti fogli! (Trannè quando questi "fogli" costano 60,00 euro l'uno!)

Se non ho ottenuto il 47% pazienza! :)
Gen. 2a/2c - IL28B CC
Viremia al 3/10/12: 598687 UI/ml
1° terapia dal 2/11/12 al 20/04/13
Pegasys 180 - Rebetol 200 mg 4xdì
22/11/12: negativa dopo 3 iniezioni e 78 capsule
2 anni post terapia: negativa
Età 42

Avatar utente
roberto
Messaggi: 3361
Iscritto il: 07/03/2009, 13:51
Località: vicenza

Re: Categorie protette si o no?

Messaggio da roberto » 08/04/2013, 18:55

Si Wolf anch'io non sapevo niente di invalidità esenzione ticket ecc
Poi per puro caso ho scoperto questo benedetto forum, e tante persone che mi hanno spiegato tutto e di piu, su questo, ma soprattutto sulla malattia, che non finirò mai di ringraziare
genotipo 3a RNA 100°000
inizio prima terapia 17/9/2010
negativo dal 1° mese di terapia
2018 ancora negativo

Rispondi